Garudasana

Garuda vuol dire aquila, da qui la ‘Posizione dell’aquila’. In questa posizione c’è necessità di mantenere l’equilibrio nella staticità. Ovviamente si possono applicare delle varianti che permettono di privilegiare gli effetti dell’asana stesso a discapito, diciamo così, della posizione originale.. ma sappiamo che può andar bene lo stesso! Quando si assume la posizione dell’aquila c’è un grande lavoro di scioglimento delle spalle, mentre alle gambe ed alle caviglie viene richiesta una grande forza e tonicità per permettere alla parte superiore di ergere. Muladhara chakra è maggiormente stimolato nell’esecuzione di garudasana per via di quanto suddetto; il mantenimento della tonicità del pavimento pelvico stimola, per Continue Reading →