Bhujangasana

  “Porre il corpo, dall’ombelico fino alle dita dei piedi, sul pavimento, porre le mani a terra, sollevare la testa come un serpente. Questa è chiamata la posizione del Serpente. Aumenta costantemente il calore del corpo, distrugge tutte le malattie, e con la sua pratica si risveglia la Dea Serpentina.” Gheranda Samhita II, 42-43 La posizione del cobra ha un effetto brahmanico per via della stimolazione del sistema nervoso orto simpatico. Viene detta anche posizione del cobra per via del sollevamento della testa e del tronco che si innalzano dal pavimento come un cobra. Nell’esecuzione di questo asana c’è una Continue Reading →

Natarajasana

Natarajasana, detta anche la posizione del Signore della Danza, è una posizione che raccoglie in sé molti significati ed è anche per questo che mi ha da sempre affascinato. Nataraja è un altro nome del Dio Shiva, il quale viene identificato con questo nome quando esegue i 108 passi di danza per creare l’Universo ed è in tale danza che incarna l’energia cosmica nelle sue cinque azioni. Natajarasana prevede l’equilibrio su una gamba ed una flessoestensione del busto (per permettere alle mani di afferrare il piede sollevato posteriormente), questa ultima porta ad un’apertura del torace e ad una stimolazione di Anahata chakra. Continue Reading →

Anjaneyasana

Anjaneya e’ il figlio di Anjana, il quale fu una creatura celeste che nacque sulla terra come vanara (razza mitologica di uomini scimmia), a causa di una maledizione. Nella pratica di anjaneyasana l’apertura del torace comporta una stimolazione di anahata chakra, inoltre si va incontro ad una elasticizzazione della colonna vertebrale per via della flesso estensione. La base del corpo deve essere stabile e confortevole per permettere la corretta esecuzione; l’ileo-psoas della gamba posteriore viene allungato, mentre la gamba flessa in avanti subisce il rafforzamento del quadricipite e del ginocchio. La braccia, che contribuiscono nella fase finale dell’asana alla flesso Continue Reading →